6 Agosto 1991: sono passati 25 anni dal primo sito WEB

Era il lontano 6 Agosto 1991 dal Centro di ricerca di Ginevra venne messo on line il seguente sito info.cern.ch

L’informatico Tim Berners-Lee nel marzo del 1989 aveva depositato un documento con la sua idea di rete, quest’idea rivoluzionò tutto il mondo in fatto di comunicazione, economia ed informazione. Ormai a distanza di 25 anni ci sono oltre un miliardo di siti internet e quasi 3,5 miliardi di utenti in tutto il mondo.

Lo scopo di Berners-Lee era creare un sistema per collegare i computer dei centri di ricerca e condividere le informazioni, una specie di database online a cui si potesse accedere da ogni computer. Insieme all’informatico Berners-Lee sviluppò quest’idea il belga Robert Caillau. Scrissero insieme il primo server sul loro Next Cube, uno dei computer creati da Steve Jobs, allo stesso tempo crearono anche il primo browser, il famosissimo WorldWideWeb, creando così il nome con sui è universalmente riconosciuta la Rete.

Il problema del primo sito web fù che lo stesso girava solo su Step OS, il sistema operativo della Next, e sopratutto ha bisogno di un computer di altissimo livello che ovviamente non è disponibile per tutta la popolazione. Per la diffusione così capillare del “www” bisogna aspettare il 1993 quando l’università dell’Illinois crea il browser Mosaic.  Il 30 aprile di quell’anno il Cern rilasciò il codice sorgente del sistema informativo, permettendo a tutti di accedere ma sopratutto di poter costruire browser, client, server. permettendoci così di creare quel famoso www su cui oggi trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate. Nel 1995 i siti nel mondo erano meno di 25mila ma già nel 1996 erano cresciuti di 10 volte. Mentre il primo milione è stato toccato nel 1999.

Come sempre queste novità passarono inosservate agli occhi di tutto il mondo, nessun articolo di giornale, nessuna foto, solo un gruppo di informatici, che probabilmente non sapevano di aver creato il nuovo modo di comunicare in tutto il mondo

 

Related posts