Canon EOS 5 Mark III: la reflex semi-pro che punta molto in alto

Per festeggiare nel migliore dei modi il venticinquesimo anniversario dall’introduzione della prima fotocamera reflex a lente singola della sua produzione, Canon arriva sul mercato con la nuova EOS 5D Mark III, una sorta di anello di congiunzione tra l’attuale Mark II e l’attesissima EOS-1D X.

 

Al di là della somiglianza estetica con la serie precedente, la nuova full-frame del brand taiwanese cela in realtà sotto le apparenze molta sostanza che la rende decisamente migliore del modello che l’ha preceduta.

Si inizia dal sensore CMOS da 22,3 megapixel, proseguendo per il processore di immagini Digic 5+, l’autofocus a 61 punti, mirino ottico che offre il 100% della copertura (in precedenza si arrivava a 98%), doppio slot per memory card di tipo SD e Compact Flash (UDMA 7) e sensibilità ISO compresa tra 50 e 102400 (tra 100 e 25600 nativamente).

Tra le altre caratteristiche si segnalano la modalità burst a 6 FPS e l’ormai immancabile capacità di effettuare riprese filmate H.264 a risoluzioni fino a 1080/30p o, in alternativa a 720/60p, con la novità assoluta in questo settore della presenza di un jack per auricolari.

Nuovo anche il display LCD da 3,2 pollici, in grado di visualizzare 1040000 punti per la nuova media di Canon che assomiglia davvero molto ad una macchina “pro” a tutti gli effetti.

Fonte

Post correlati

Leave a Comment