Google Compute Engine offre la pazzesca potenza di 96 core di CPU e 624 GB di memoria

Se hai un’applicazione affamata da risorse, l’offerta più recente di Google Compute Engine potrà soddisfare ogni tua esigenza. Consente di selezionare fino a 96 CPU e di un altro 624 GB di memoria mondiale. Se si pensa a Bill Gates che chiedeva chi mai avrebbe bisogno di più di 640K di memoria. Ovviamente non poteva sapere dove potesse arrivare l’evoluzione dei sistemi. I chip, come ci si poteva aspettare, sono gli ultimi processori Intel Xeon Scalable (che sono stati codificati Skylake). Secondo Google, offrono una performance di calcolo più veloce…

Leggi ancora

CallDesk ottiene 2,5 milioni di dollari per il suo Virtual Agent AI per Assistenza Clienti

CallDesk, società francese che ha sviluppato un agent di Intelligenza Artificiale in grado di esprimersi in linguaggio naturale, ha ottenuto un finanziamento di 2,5 milioni di dollari da Point Nine Capital e da EQT Ventures. I pregi principali del Virtual Agent di CallDesk risiedono nella capacità di interpretare il contesto e di rispondere sulla base dell’intera conversazione, e nella capacità del Virtual Agent di esprimersi in linguaggio naturale e di riconoscere quindi i concetti espressi dalla persona con la quale attiva la conversazione. Ecco un esempio di conversazione gestita dal…

Leggi ancora

Un’unica interfaccia web-based per le cloud app che utilizzi quotidianamente: Wavebox

La diffusione delle applicazioni SaaS, a partire dai servizi di posta elettronica fino ad arrivare alle applicazioni di messaggistica e produttività individuale, ha determinato l’esigenza di gestire account multipli su più piattaforme tra loro non integrate/integrabili. Wavebox, progetto Open Source MPL-2.0 disponibile su Github, offre, nell’account Pro a pagamento, un’unica interfaccia per gestire account Gmail, Drive, Slack, Trello, Outlook e Office 365 e nella versione Enterprise oltre alle integrazioni citate anche l’SSO in versione SAML, l’integrazione customizzata per le proprie applicazioni, l’accesso alle API e la brandizzazione della piattaforma. Si possono scegliere…

Leggi ancora

Kubernetes acquisisce slancio grazie all’adesione dei grandi nomi al Cloud Native Computing Foundation

Come un treno che guadagna velocità mentre lascia la stazione, la Cloud Native Computing Foundation sta rapidamente raccogliendo lo slancio, attirando alcuni dei più grandi nomi della tecnologia. In appena un mese e mezzo si sono uniti AWS, Oracle, Microsoft, VMware e Pivotal. Non vedi tutti i giorni questo gruppo di aziende d’accordo su qualcosa, ma poiché Kubernetes si è sviluppato come strumento essenziale (è il tool più affermato per la Container Orchestration), ognuna di queste società vede come prioritario unirsi al CNCF e sostenere la sua missione. Ciò è…

Leggi ancora

Microsoft annuncia la disponibilità sul cloud Azure dei Servizi App su Linux e Web App per i contenitori

Come indicato nell’annuncio, Microsoft rende disponibili i servizi per sviluppare App sul cloud Azure su sistema operativo Linux, oltre che ovviamente Windows. L’esigenza di accelerare lo sviluppo di applicazioni in cloud e di renderle deployabili e successivamente scalabili in ambiente di Esercizio è risolta attraverso la predisposizione di immagini precostruite contenenti i più diffusi stack nel sistema operativo prescelto. L’applicazione potrà sfruttare le funzionalità incorporate di Continuous Integration/Continuous Delivery, per essere inserita in un container, destinato ad essere deployato in ambiente di Esercizio grazie al servizio Web App for Container,…

Leggi ancora