Asteroids OS 1.0: il sistema operativo open-source per smartwatch

Dopo quasi 4 anni di sviluppo, vede la luce la prima versione “stable” del sistema operativo open-source per smartwatch che promette di fornire supporto ad ogni tipo di wearable e quindi può rappresentare una vera e propria piattaforma di sviluppo per oggetti. Come spiegato sul sito web dedicato al progetto, che contiene la documentazione necessaria per iniziare ad utilizzare questo sistema operativo, AsteroidOS 1.0 offre tutte le funzionalità necessarie per una moderna esperienza indossabile ossia le notifiche del telefono, un’agenda, una sveglia, una calcolatrice, un telecomando musicale, personalizzazioni delle impostazioni,…

Leggi ancora

AnyDesk, software per remote desktop, raccoglie 6,5 milioni di dollari da EQT Ventures

La startup tedesca AnyDesk ottiene 6,5 milioni di dollari in un round di finanziamento gestito da EQT Ventures, per migliorare il prodotto per la remotizzazione del desktop e per sviluppare il team commerciale e tecnico. Ccome riferito dal CEO in un’intervista a TechCrunch, spesso l’utilizzo di un dekstop remoto è frustrante e lento, tanto da limitare anche le funzionalità che vorrebbero essere sfruttate dagli utenti, come ad esempio lanciare una presentazione e condividerla. A tal fine, oltre alle app di oggi per Windows, MacOS, vari tipi di Linux / Unix,…

Leggi ancora

Con Firefox “Quantum” si accede ai nostri account utilizzando un dispositivo hardware in modalità password-free

L’ultima versione di Firefox “Quantum,” versione 60.0, è fuori, e con esso arriva il supporto per login senza password su internet. Ciò è reso possibile dallo standard di autenticazione Web e dai tasti di sicurezza basati su USB come i dispositivi YubiKey di Yubico. Chrome 67 offrirà supporto nel prossimo mese, seguito da Microsoft Edge. “WebAuthn è un insieme di regole anti-phishing che utilizza un sofisticato livello di autenticazione e crittografia per proteggere gli account degli utenti”, spiega Mozilla. “Supporta vari autenticatori, come le chiavi di sicurezza fisiche odierne, e…

Leggi ancora

Android Things 1.0: disponibile il sistema operativo per l’IoT

Dopo l’annuncio a marzo della disponibilità della preview del sistema operativo per l’IoT, eccoci al lancio ufficiale della prima versione di Android Things, la piattaforma per sviluppatori di applicazioni nel mondo dell’Internet of Things. destinata ad allargare l’orizzonte delle applicazioni ad ogni oggetto domestico e non. Offrendo sicurezza, scalabilità, velocità nella prototipazione, l’ambiente di sviluppo ha già consentito alle aziende che per prime hanno attivato la collaborazione con Google, di realizzare prodotti in grado di interagire con smartphone e tablet ma anche con il Google Assistant, quindi in grado di…

Leggi ancora

Noitel con JVC/KENWOOD al MIR di Rimini: combinazione perfetta per i servizi di Live Streaming per eventi

Grande successo di pubblico e folta partecipazione di addetti ai lavori nell’edizione 2018 del MIR di Rimini, alla quale NOITEL ha partecipato in collaborazione con JVC/KENWOOD, presentando la soluzione di Live Streaming chiamata EASY STREAMING PACK. Il pacchetto prevede la fornitura di una telecamera JVC 4K, con relativo software di configurazione e grafica per titoli e post-produzione, connettività satellitare a banda garantita (o a best effort con durata di un anno), opzionalmente un portale con servizi di streaming su cloud, oltre alla business continuity garantita da un backup in LTE…

Leggi ancora

Fitbit e Google Cloud insieme per condividere i dati biomedicali con il proprio medico

In uno sforzo teso ad aumentare significativamente il suo profilo nel campo dell’assistenza sanitaria, Fitbit sta collaborando con Google per migliorare la sua capacità di condividere i dati con i professionisti del settore medico. Il produttore di dispositivi indossabili per il fitness adotterà le API di Google Cloud for Healthcare recentemente rivelate, che promette di rendere sicuri, facili e sicuri la condivisione dei dati relativi a fitness e salute. Per Fitbit, questo segna il tanto atteso passaggio della società nel più ampio mercato dell’assistenza sanitaria. Consentirà ai clienti di condividere…

Leggi ancora

Dall’idea allo sviluppo di API in modalità Agile secondo Red Hat: parte 3

Icone di Laymik (Noun Project) sotto licenza Creative Commons Terzo ed ultimo articolo della serie, redatta da Laurent Brodoux e Nicolas Massè di Red Hat, dedicata alla ideazione, progettazione e realizzazione di un set di API in nodalità Agile con caratteristiche di scalabilità. In questo articolo vengono descritte le attività necessarie all’attivazione delle API nel mondo reale, ossia alla cosiddetta “esposizione” delle API in modo sicuro. In questa fase le API vengono rese accessibili previa costruzione delle API Keys (chiavi di identificazione dell’applicazione necessarie alle successive operazioni di autenticazione)  e l’autenticazione…

Leggi ancora

Dall’idea allo sviluppo di API in modalità Agile secondo Red Hat: parte 2

Icone di Laymik (Noun Project) sotto licenza Creative Commons Seconda parte di una serie in tre parti proveniente dal Blog del Red Hat Developer Program, che descrive un approccio proposto per un ciclo di vita dell’API agile dall’ideazione alla distribuzione della produzione. La prima parte è disponibile qui. Dopo aver affrontato nel primo articolo l’ideazione delle API ed aver identificato il set di strumenti necessari a compiere tutto il percorso previsto per arrivare al deployment delle API, partendo dalla costruzione di un esempio di un modello di Request/Response, il passo…

Leggi ancora

Dall’idea allo sviluppo di API in modalità Agile secondo Red Hat: parte 1

Icone di Laymik (Noun Project) sotto licenza Creative Commons Nel mondo delle applicazioni odierne, che sempre più richiedono di potersi integrare con altre applicazioni in modo facile e sicuro, le API (Application Programming Interface) ricoprono un ruolo fondamentale. Ho quindi trovato interessante pubblicare uno stralcio proveniente dal blog di Red Hat che spiega come costruire una API dall’inizio alla fine. Come indicato dall’autore, Laurent Brodoux, l’obiettivo di questa serie di post è descrivere un approccio proposto per un processo di consegna API agile, coprendo non solo la parte di sviluppo, ma…

Leggi ancora

Mozilla Hubs: parte l’esperimento che offre un’esperienza social in Mixed Reality e Open Web

Partito ieri l’esperimento di Mozilla chiamato Hubs, un’esperienza di social immersiva fornita direttamente dal  browser. Basta fare clic su un collegamento Web per iniziare a interagire con gli altri all’interno della realtà virtuale. Come annunciato già l’anno scorso da Mozilla, l’abilitazione di esperienze sociali utilizzando Mixed Reality e il web aperto era iniziata con la creazione di un gruppo di lavoro dedicato all’esperimento Hubs. Cosa puoi fare con Hubs Con Hubs  puoi creare una stanza con un solo clic. È quindi possibile condividere e accedere a quella stanza con un…

Leggi ancora

Amazon presenta gli AWS Blockchain Templates: crea la tua blockchain con pochi clic!

Importante notizia per chi ha bisogno di creare una blockchain e necessita di uno strumento che semplifichi il lavoro dietro le quinte: con AWS Blockchain Templates di Amazon sarà possibile configurare tutte le risorse della nostra blockchain in modo automatizzato. Sia che si tratti di una Ethereum network (pubblica  o privata) o di un Hyperledger Fabric (privata) basteranno pochi minuti e qualche clic sull’interfaccia per trovarsi una blockchain scalabile e robusta pronta all’uso. Nella pagina di presentazione del nuovo servizio è riportato un piccolo tutorial per avviareuna rete privata di…

Leggi ancora

Google sta lavorando su una propria tecnologia basata su Blockchain per i servizi cloud

Come riportato da Bloomberg, Google sta lavorando sulla tecnologia legata alla blockchain per supportare il proprio business nel cloud e superare la concorrenza di startup emergenti che utilizzano la tecnologia ad alto rischio per operare online in modi nuovi, secondo le persone che hanno familiarità con la situazione. Le aziende utilizzano blockchain e altri cosiddetti registri digitali per registrare in modo sicuro le transazioni e elaborare altri dati su Internet – un servizio che Google potrebbe utilizzare, ad esempio, per rassicurare i clienti che le loro informazioni sono protette quando…

Leggi ancora

Revolut lancia le carte di credito virtuali usa e getta

La startup fintech Revolut lancia un nuovo tipo di carte di credito virtuali: le carte usa e getta per gli acquisti online. Oltre alla classiche carte virtuali a pagamento, è ora disponibile un diverso tipo di carta virtuale che viene distrutta dopo ogni transazione. Se di solito fai acquisti su Amazon o se hai un abbonamento Spotify, questi servizi ti hanno chiesto prima di inserire il numero della carta e continuano ad eseguire addebiti sulla stessa carta per ogni acquisto. Ma cosa succede se finisci su un sito dall’aspetto poco…

Leggi ancora

Graphite: l’alternativa a Google Docs e Microsoft Office in versione decentralizzata su Blockchain

Basato sul framework Blockstack, Graphite rappresenta una valida alternativa agli strumenti della Google Suite o di Microsoft Office per chi desidera l’encrypting e l’archiviazione decentralizzata dei propri documenti. Le funzionalità offerte vanno dalla gestione dei Contatti, allo Spreadsheet e alla Chat, il tutto in forma criptata ma reso disponibile da qualsiasi dispositivo e mantenendo la proprietà del dato. Nel dettaglio, Blockstack offre tre principali funzionalità: Identità Con Blockstack, gli utenti ottengono le chiavi digitali che consentono loro di possedere la propria identità. Accedono alle app localmente senza server remoti o…

Leggi ancora

Mozilla lancia la propria idea di IoT: il Web of Things

Puntando alla completa apertura ed interoperabilità tra sistemi IoT differenti, Project Things di Mozilla attraverso un protocollo (Things Gateway) consente ad ogni nodo della rete IoT di esporre metodi e funzioni in formato standard JSON come fosse un sito web. Sul sito dedicato, nella sezione Gateway, è indicato come costruire, partendo da una scheda Raspberry Pi, un proprio Web of Things Gateway, scaricando le componenti software già disponibili per il download oppure su GitHub è possibile seguire il tutorial per installare le componenti software necessarie al funzionamento. Attualmente l’ambito di applicazione…

Leggi ancora