Con Firefox “Quantum” si accede ai nostri account utilizzando un dispositivo hardware in modalità password-free

L’ultima versione di Firefox “Quantum,” versione 60.0, è fuori, e con esso arriva il supporto per login senza password su internet. Ciò è reso possibile dallo standard di autenticazione Web e dai tasti di sicurezza basati su USB come i dispositivi YubiKey di Yubico. Chrome 67 offrirà supporto nel prossimo mese, seguito da Microsoft Edge.

“WebAuthn è un insieme di regole anti-phishing che utilizza un sofisticato livello di autenticazione e crittografia per proteggere gli account degli utenti”, spiega Mozilla. “Supporta vari autenticatori, come le chiavi di sicurezza fisiche odierne, e in futuro telefoni cellulari, o meccanismi biometrici come il riconoscimento facciale o le impronte digitali.”

Yubico offre una varietà di YubiKeys standard che si estendono dai tipici modelli USB-A e USB-C che rimangono collegati al PC (full-size o nano). Nel frattempo, i modelli “Neo” si agganciano alle chiavi della tua auto e offrono la connettività USB-A e NFC per PC e telefoni Android. I modelli “FIPS” di Yubico sono costruiti specificamente per le industrie governative e regolamentate.

Con Firefox e YubiKey in mano, puoi creare un account basato sul Web utilizzando un token di registrazione una tantum. evitando quindi di inserire una password finché è presente il dispositivo, che supporta il riconoscimento facciale e/o la scansione delle impronte digitali.

I vantaggi dell’uso di WebAuthn sono enormi per i navigatori del web. Poiché utilizza chiavi pubbliche e private crittografate, sparisce la necessità di memorizzare password in un database di un sito Web rendendo la vita più difficile agli hacker che non avrebbero nulla da intercettare mentre i dati passano dal PC al sito web.

L’obiettivo è quello di autenticare i proprietari degli account usando qualcosa che è fisicamente unico, come il loro volto o impronta digitale, e non con lettere, numeri e personaggi che gli hacker potrebbero scoprire.

Leggi l’articolo completo su: DigitalTrends

Post correlati