Electrify America attiverà 2.000 caricabatterie veloci da 350kW entro la fine del 2019

Come ama sottolineare la sua legione di fan che postano sui social, la rete di Supercharger di Tesla è una parte importante del successo di questa azienda quando si tratta di vendere veicoli elettrici. Per oltre un secolo abbiamo vissuto con auto che possono essere rifornite in pochi minuti e le vecchie abitudini sono dure a morire.

Anche se la soluzione ottimale è il fatto che i possessori di Electric Vehicle si colleghino ogni notte, il pensiero di essere bloccati con un EV a lento caricamento ma con centinaia di km da guidare in un giorno, provoca abbastanza terrore da escludere tali auto da molti potenziali conducenti. Il passaggio verso l’EV sarebbe accelerato da più caricabatterie e caricabatterie più veloci. E Electrify America la pensa proprio così.

Creata da una propaggine dell’impero Volkswagen sulla scia dello scandalo delle emissioni diesel, Electrify America ha un piano abbastanza ambizioso. Questa settimana ha annunciato di aver selezionato i fornitori per una nuova rete di caricabatterie veloci in tutto il paese. Tra oggi e la fine del 2019, distribuirà 2.000 caricabatterie veloci su un totale di 484 stazioni di ricarica. Ci sono ancora diversi standard in competizione tra loro quando si parla di ricarica EV, per cui Electrify America ha deciso di offrirli tutti.

Ciò significa connettori CHAdeMO da 50 kW e quindi caricabatterie CCS1 dual-handle, in grado di supportare 50 kW e 150 kW o 350 kW (con cavi raffreddati a liquido). I veicoli in grado di caricare a quel tasso più elevato non sono ancora in vendita, ma per pura coincidenza corrispondono alle specifiche delle prossime batterie EV di Volkswagen Group.

Audi’s e-tron e Porsche’s Mission-E saranno entrambi in vendita nei prossimi mesi, ed entrambi sono in grado di accettare ricariche da 350kW. E tutta una serie di Volkswagen I.D. le batterie a batteria inizieranno ad apparire negli showroom nel 2020.

I siti di ricarica saranno in 17 aree metropolitane e sulle autostrade in 39 stati. Le stazioni autostradali offriranno da quattro a dieci caricabatterie con sistema a ricarica combinata CCS1, contro una media in città tra le tre e le sei. Le stazioni di ricarica metropolitane offriranno anche vecchi caricatori di livello 2 J1772 per i conducenti di batterie EV più vecchie o EV ibridi plug-in che non sono compatibili con i nuovi caricatori.

“Posizionando i nostri sistemi di ricarica ultraveloci in luoghi in cui i conducenti si fermano, aiutiamo a ridurre l’ansia di ricarica e ad aumentare l’accettazione pubblica dei veicoli elettrici, aumentando drasticamente la velocità di ricarica offrendo il primo cavo raffreddato certificato da 150 / 350kW DC Fast. I caricabatterie sono anche un passo significativo, il che significa meno tempo per il rifornimento di carburante “, ha dichiarato Mark McNabb, presidente e CEO di Electrify America.

Anche Walmart è coinvolto. Questa settimana, ha rivelato una collaborazione con Electrify America per distribuire i caricabatterie veloci da 350 kW a più di 100 negozi (distribuiti in 34 stati) entro giugno 2019.

fonte: ArsTechnica

Post correlati