Google apre un centro di ricerche sull’intelligenza artificiale in Cina

Nel 2010 Google aveva abbandonato il mercato cinese a causa della censura imposta dalla Cina ad Internet, che aveva bloccato i prodotti principali del colosso americano (YouTube, Gmail, oltre al motore di ricerca).

Di recente però, attraverso DeepMind, la unit dedicata al’AI, ha collaborato con le autorità cinesi per promuovere un festival di 5 giorni sull’interazione uomo-computer nell’antico gioco “Go”.

In questi giorni ha poi annunciato, attraverso Eric Schmidt, chairman di Alphabet, la collocazione di un nuovo  Centro Ricerche a Beijing, eletta a fulcro di un piano pluriennale finalizzato a creare una vera e propria industria del’AI dal valore di 150 miliardi di dollari, attraendo nell’area le migliori aziende del settore con l’obiettivo di allinearsi entro il 2020 ai leader di settore e divenire un “AI Innovation Center” a partire dal 2030.

fonte: CNNMoney Immagine: ChinaTechNews

Post correlati