In arrivo maximulta a Google da parte dell’Antitrust UE: obbliga ad installare le proprie App

Secondo le autorità europee,  grazie alla posizione dominante del sistema Android, preinstalla Google Search e Play store, fornendo incentivi economici ad i produttori di device mobile.

Secondo la commissione europea, che ha inviato un documento di 150 pagine  al gruppo di Mountain View, spiega i motivi dell’indagine. Questo tipo di pratica è ritenuta scorretta, perchè sfrutta la posizione dominante del sistema Android ed incentiva economicamente i produttori di device mobile ad inserire direttamente nel desktop del telefono le icone delle App e specifica inoltre che non possono “punire o minacciare” le società che non rispettano le condizioni.

Per rispondere a queste accuse la Google ha tempo fino a fine ottobre, avendo ottenuto una proroga rispetto alla prima data del 27 luglio.

La denuncia parte dal marzo del 2013 da FairSearch, una lobby nella quale si racchiudono varie soietà che vogliono tutelarsi rispetto alla posizione dominante che Google ha sul mercato. La Commissione Europea vuole fissare una molta così alta così da renderla un deterrente per future infrazioni simili. Questa cifra potrebbe basarsi sul numero di click che vengono effettuati dai clienti europei direttaemnte sulle App.

La società di Mountain View fa sapere che “Non vediamo l’ora di dimostrare che abbiamo progettato il modello Android in un modo che sia funzionale per i consumatori ma anche che garantisca la concorrenza, e che supporti l’innovazione in tutto il continente”

 

Post correlati