Più tablet che notebook nel mese di ottobre

Un sentore del fenomeno si era già avuto analizzando, in questo caso solo quanto riguarda il nostro Paese, i dati Sirmi relativi alle vendite di pc client nel terzo trimestre dell’anno.
In un comparto caratterizzato da una sequenza di indicatori negativi, le uniche cifre con un segno ”più” davanti erano quelle relative alle vendite di tablet.

Ora, però, il dato che arriva è su scala globale e sancisce ciò che da tempo si attende: il sorpasso.
Secondo la società di ricerca NPD DisplaySearch, infatti, nel mese di ottobre le vendite di tablet hanno superato quelle dei notebook, dando concretezza ai timori di chi considera l’iPad e i suoi omologhi una minaccia per i tradizionali equilibri del mercato Ict.

In realtà, va detto, i dati diffusi da DisplaySearch mettono in evidenza due aspetti: uno strutturale e tendenziale e uno contingente.
Il dato strutturale è quello che vede la crescita costante nelle vendite di tablet dall’inizio dell’anno a oggi.
La progressione è palese: si parte con poco meno di 9 milioni di unità a gennaio, per salire a 9,5 ad aprile, a 11,6 milioni a maggio, a 13,8 milioni ad agosto, per arrivare a settembre e ottobre a 17,4 e 18,7 milion

i rispettivamente.
Sia

mo dunque di fronte a un fenomeno confermato, che anzi ha trovato l’abbrivio giusto con il rilascio sul mercato di nuove proposte low cost, come il Nexus 7 di Google.
La forbice con i notebook è sempre più stretta, considerato soprattutto il fatto che nei primi dieci mesi dell’anno le vendite sono oscillate in media tra i 19 e 21 milioni di unità, fatte salve le due eccezioni dei mesi di gennaio (il mese tradizionalmente più debole dell’anno, chiuso con 14,9 milioni di unità) e del mese di ottobre, con vendite al di sotto della soglia dei 17 milioni di pezzi.

Tuttavia, e questo ci porta alla seconda riflessione, di tipo congiunturale, proprio quest’ultimo dato è quello che secondo DisplaySearch deve essere trattato con cautela.
La società di ricerca, va detto, monitora le consegne dei pannelli Lcd ai produttori, un indicatore considerato da sempre altamente attendibile per valutare lo stato di salute del comparto.
Ebbene, secondo DisplaySearch nel mese di ottobre si sono assommati una serie di fattori, da un ritardo nelle consegne nella supply chain all’attesa per il rilascio delle nuove macchine ottimizzate per Windows 8, fino ad arrivare a un focus maggiore proprio sui tablet in vista della stagione natalizia, che rendono il sorpasso un evento contingente più che strutturale.
Il che non esclude sviluppi differenti in futuro.
Per ora, però, meglio considerare l’ottobre un caso a sé.

01net.it

zp8497586rq
zp8497586rq

Post correlati