Twitter testa la possibilità di utilizzare fino a 280 caratteri in un tweet

Il limite di 140 caratteri è al tempo stesso caratteristica di Twitter e anche il suo aspetto più controverso.

I critici dicono che rende il servizio limitante e poco cortese per i nuovi utenti. I difensori dicono che la brevità forzata è ciò che rende il servizio così utile.

Twitter sta valutando il raddoppio del limite. In un post sul blog di martedì, Twitter ha annunciato che un numero limitato di utenti avrà la possibilità di utilizzare fino a 280 caratteri in un tweet.

Può sembrare che l’espansione del limite causerà solo le persone a confezionare ulteriori informazioni in ogni tweet. Ma Twitter sostiene che non è in realtà il caso. Esse puntano sull’esperienza del giapponese, dove un set di caratteri più ricco significa che puoi dire di più con meno personaggi. Gli utenti giapponesi sono soggetti agli stessi limiti di 140 caratteri utilizzati dagli inglesi, ma trovano il limite molto meno vincolante:

Mentre nove per cento dei tweet inglesi usano i 140 caratteri completi, meno di un percento di tweets in Giappone sono così lunghi. Ciò suggerisce che raddoppiare il limite di caratteri per i tweet permetterà agli utenti inglesi di esprimersi più comodamente, senza creare una tentazione di creare strilli lunghi e non-Twitter.

Twitter prevede di fare il cambiamento per tutte le lingue diverse dalle lingue cinesi, giapponesi e coreane, i cui grandi set di caratteri rendono inutile l’incremento.

L’aumento è “disponibile solo ad un piccolo gruppo in questo momento”, dice Twitter. L’azienda sta valutando i risultati di questo processo prima di decidere se espandere il limite di carattere per tutti gli utenti di Twitter.

Quando le voci scorrazzavano lo scorso anno che Twitter potrebbe espandere il limite di caratteri a 10.000 personaggi, il proprio tecnico Peter Bright ha scritto un eccellente ma noioso messaggio contro la proposta.

“Il limite a 140 caratteri non è solo una caratteristica incidentale di Twitter, è l’essenza stessa del servizio”, ha scritto Bright. “Il mandato per essere conciso significa che Twitter si distingue da abbondanti piattaforme di blog convenzionali. I tweet possono essere osservazioni, barzellette, domande o idee distillate con attenzione, ma non possono essere trattati lunghi o argomenti complessi”.

Bright non è un fan dell’espansione di 280 caratteri. In una chat su Slack oggi la ha definita “strana ed insignificante” e che complica l’integrazione delle applicazioni di terze parti senza risolvere eventuali problemi reali della piattaforma.

fonte: ArsTechnica
immagine: Reuters Photo

Post correlati